Il dialetto Capenate

DESCRIZIONE DI UNA PERSONA

PIAGNISDEU: gente che piange
PUPPUNNITU: intontito
PRESCIULITTA: svelta
SCRUTRINIERA: pettegola
STROLLITA: maga
MBORRAZZATU: imbarazzato
MUMMULONA: donna trasandata
NTINTU: inzuppato
NAZZICA: trema
LANCIANITO: molto magro
CIAFREGNA: piccolo ragazzo
CIONCU: storpio

PAROLE IN CAMPAGNA

GARGAROLA: botte di vino
GRINELLUCCIO: setaccio
BICONZU: recipiente per l’uva
BUFULATU: grano coricato
TROCCU: trocolo
SGRASCIOLU: rastrello
SCACAROLA: cancello di ferro
SCIFERA: portare il grano
MBRATTU: pastone per gli animali
NGROCCA: insieme di ciliegie
PASSONETTA: paletto
CUPELLA: recipiente per il vino

VERBI E MODI DI DIRE

GIUCCHITE: abbassarsi
GNAULARE: miagolare
MASSARE: impastare
NGUNATTARE: nascondere
ME SE MARDA: si ristagna
PETTURILLA: mettersi al sole
LOGRARE: consumare
RIPARAGNO: risparmiare
A CULUMBRINA: a sedere per aria
BURRATO: riempito
ABITUCCIU’: vestito
RUZZUNITU: arrugginito

OGGETTI QUOTIDIANI

BUCALETTU: barattolo
COROIA: strofinaccio
DINDAROLU: salvadanaio
CUCCUMETTU: macchina per il caffè
SPIANATORA: tavola per fare il pane
PANONTA: pane unto
BOCCIA: bottiglia
ZINALE: grembiule
PEZZATA: fagotto
VISAVI’: armadio
GUMMUMERU: gomitolo
TIRABUCIO’: cavatappi

ANIMALI

STUCCANASU: libellula
TUPINALE: talpa
SOMARU: asino
PECORO: pecora
CIUMACA: lumaca
LOPE: lupo
GAGGIULA: gazza
FURASTICI: selvatici
FARGACCIU: falco
CODAZINZULA: uccello con codetta
GUERRU: maschio del maiale
PUZZULA: cimice
SORGE E SCADRAFONE: il topo e lo scarafaggio
STACCA: cavalla giovane
RITTUMULAMERDA: scarabeo stercorario

PIANTE, VERDURE E FRUTTI

FIHERA: pianta di fico
MANDUMNA: mandorla
MAZZOCCHETTI: broccoletti
CAROZZO: fico secco
RAMBAZZU: grappolo
BRICOCCOLA: albicocca
NOCCHIA: nocciola
CERQUA: quercia
GRANATU: melograno

FESTA DELL’ASSUNTA 2018 E NOTTE MAGICA

Festa dell’Assunta 2018: il 14 Agosto 2018 appuntamento da non perdere con la festività annuale più sentita del comune di Capena (RM). A seguire la “Notte Magica”. Leggi il programma!

Processione del Cristo morto nel Venerdì Santo

La Storia della Processione del Cristo Morto La Processione del Cristo Morto di Capena si svolge intatta da secoli dopo l’interruzione che si ebbe negli anni ’80 quando venne sostituita dalla rappresentazione della Passione di Cristo organizzata dalla Proloco di...

Natale 2017 a Capena

CAPENAtale 2017: programma di tutte le iniziative e orari di Associazioni, commercianti e altro del Comune di Capena durante il periodo Natalizio (8 Dicembre – 7 Gennaio).

La fontana di Porta Nuova

La Fontana di Porta Nuova (XX° Secolo) La fontana di Porta Nuova, che compare anche in vecchie fotografie dei primi anni del '900, è di fattura molto modesta ed è posta nell'allora largo Umberto I. Essa è formata da una vasca circolare in laterizi, al cui centro è...

Olio Dea Feronia

L’ olio Dea Feronia: olio locale di Capena che si presenta all’olfatto con un fruttato verde di notevole intensità.

Scalinata di Sant’Antonio e testa leonina

La scalinata di Sant’Antonio Il complesso si suddivide in due scalinate laterali perfettamente simmetriche che conducono nel piazzale dove si erge la chiesa di Sant’Antonio. Al centro di esse, in una nicchia, è conservata la testa marmorea di un leone, risalente al...

Sagra dell’amatriciana 2019, 20 e 21 Luglio

Ecco il programma della Sagra dell’amatriciana 2019, seconda edizione a Capena (RM).

La condizione degli schiavi e dei liberti a Roma

Condividiamo un interessante articolo del Gruppo Archeologico Romano sezione di Capena sulla condizione degli schiavi e dei liberti nell’antica Roma. Per saperne di più, venite a visitare l’Antiquarium e l’area archeologica Lucus Feronia a Capena.

Festività di San Michele Arcangelo 2018

Il 30 settembre festività di San Michele Arcangelo 2018 presso la Chiesa di Santa Marta a Capena (RM). Leggi il programma.

San Leone

La chiesa di San Leone La chiesetta dedicata a San Leone Magno (Papa famoso per aver fermato l’invasione di Attila) a Capena è uno degli edifici sacri più antichi dell’area tiberina ed anche della adiacente Sabina. Per visitarla, dovete recarvi al cimitero “vecchio”...