Il Centro Aggregazione Giovanile

Il 17 giugno scorso è terminata la scadenza di concessione del Centro di Aggregazione Giovanile di Capena. Considerato che è divenuto nel tempo un luogo molto importante per tutti i ragazzi di Capena, non riavviare il servizio farebbe svanire i risultati ottenuti finora in tema di politiche giovanili.

La proposta di progetto

Per questi motivi, in data 24 luglio, il Consiglio dei Giovani di Capena ha approvato un progetto di apertura e gestione del Centro di Aggregazione Giovanile per la stagione 2017/2018. Il documento, presentato all’Amministrazione comunale, prevede una gestione a costo zero della Sala polivalente G.Gregorini attraverso personale volontario e pone in evidenza la necessità di avere un punto fisico di aggregazione per i giovani del territorio. Lo scopo e la finalità del Centro sarà quella di combattere il disagio sociale giovanile attraverso strumenti come la creatività, lo sport, il gioco, la musica e la cultura.

Beneficiari

I beneficiari ed i fruitori del Progetto sono tutti i giovani ambosessi di età compresa dai 12 ai 18 anni.

Descrizione dell’intervento

L’intervento ipotizzato si sostanzia in un Centro Aggregazione Giovanile quale spazio di aggregazione aperto, dove i ragazzi possano incontrarsi e confrontarsi con i coetanei, acquisire nuove competenze, sperimentare nuovi modi di stare insieme. All’interno della struttura la modalità di gestione pensata si focalizzerebbe in un lavoro di gruppo, grazie al supporto di giovani animatori, associazioni competenti in materia e professionisti in campo artistico, secondo una prospettiva socio-educativa sia attraverso la realizzazione di momenti strutturati sia attraverso una serie di attività libere o semi-strutturate. L’obiettivo è quello di avviare un percorso di crescita per l’individuo e per la collettività stessa, stimolando le competenze individuali e relazionali di ognuno e ricorrendo all’offerta di vari strumenti di incontro, confronto e all’attivazione di un programma di attività ludiche, culturali ed espressive che tengano conto degli interessi dei fruitori del servizio. Il processo educativo e ricreativo ideato si svilupperebbe nella costituzione di laboratori in cui sia possibile educare “facendo” e “creando”. Questa funzione risulterebbe complementare a quella sostanziatesi nelle attività del Centro Giovanile, perseguendo l’obiettivo di ridurre il disagio e di aiutare a gestire elementi legati all’emotività, alla personalità e al relazionarsi che spesso, nella fascia pre-adolescenziale ed adolescenziale appaiono problematici.

Le attività previste sono così declinabili:

  • attivazione di laboratori entro cui sviluppare una serie di attività a carattere ludico,ricreativo ed artistico organizzati in modo da stimolare i ragazzi ad esprimersi liberamente e ad interpellarsi sul senso di ciò che si fa, privilegiando sia l’aspetto relazionale che quello cognitivo. Il ventaglio di proposte contempla diversi percorsi: la scelta e la realizzazione sarà collegata alla domanda ed al livello di interesse manifestato dai giovani fruitori del Centro Giovanile;
  • promozione di attività di sostegno scolastico poste in essere in base alle concrete necessità che si andranno a presentare, tenuto conto della situazione del singolo frequentatore del centro, delle esigenze del territorio locale, delle richieste formulate dalle istituzioni pubbliche e scolastiche con cui il Centro andrà ad interagire; (gruppo di sostegno tra pari) ; si sottolinea l’importanza della acquisizione di un metodo di studio. Il CAG non può limitarsi a proporre una ‘ripetizione’ scolastica, ma deve consentire un accostamento più efficace all’apprendimento, che valorizzi lo stile cognitivo del singolo ragazzo
  • momenti di gioco libero, sport all’aria aperta o all’interno del Centro, che promuova la socializzazione e il senso dello “stare nel gruppo”.
  • integrazione operativa con il gruppo di lavoro, composto da giovani animatori, insegnanti di laboratori, che garantisca una prospettiva privilegiata per l’osservazione dei giovani nei loro movimenti individuali e di gruppo;
  • organizzazione nel territorio di momenti finalizzati alla promozione delle attività del Centro e alla partecipazione alla vita attiva nel paese.
Consiglio dei Giovani di Capena

Consiglio dei Giovani di Capena

Open Week della Salute 3a edizione

“Open Week della Salute” presso la Parafarmacia Rabottini CC Arca di Capena (RM). Leggi il calendario delle consulenze e come prenotare.

Rievocazione Acquacotta, il piatto della tradizione contadina

Il 20 settembre rievocazione di un piatto dell’antica tradizione contadina a Capena (RM), l’acquacotta. Ingresso libero.

Festa San Luca 2019, patrono di Capena

La festa di San Luca, patrono di Capena, viene celebrata il 18 ottobre con una processione per le vie del centro storico. Leggi il programma.

Ottobre Rosa 2019: prevenzione del tumore al seno gratuita

La Regione Lazio con ‘Ottobre Rosa 2019’, offre alle donne nelle fasce di età 45-49 l’opportunità di prenotare una mammografia gratuita. Info e recapiti nell’articolo.

La Sagra dell’uva di Capena: Vendemmiale 2019

La sagra dell’uva di Capena, detta anche Vendemmiale, è una delle sagre più antiche e celebri di tutto il Lazio: la prima domenica di Ottobre carri allegorici, uva, vino musica e folklore riempiranno le vie del paese.

“Noi Sport” lascia Passo Corese per aprire un nuovo store a Capena

“Noi Sport” apre un nuovo store a Capena in una struttura avveniristica, posizionata nel cuore di quello che ormai rappresenta il centro di attrazione commerciale più importante dell’intera area tiberina.