Materiale da utilizzare

Cosa ci serve:

  • un panetto di argilla circa 15kg
  • una tavola di legno stabile per mantenere il peso del nostro vaso
  • stecchini di legno per modellare e coltello a punta
  • mattarello

Come creare un vaso in argilla con semplicità tramite la tecnica del Colombino

Iniziamo creando una pallina grande quanto la nostra mano chiusa . Fatto questo ci prepariamo su un piano pulito, dove metteremo la nostra tavola e con il mattarello creiamo una lastra alta circa 1 cm, con un diametro di circa 10 cm. Questo sarà il fondo del nostro vaso. Mettiamo da parte la base e prepariamo delle palline della stessa grandezza di quelle che abbiamo già usato. Abbiamo poi bisogno di molto spazio e facciamo come la nostra nonna faceva con gli gnocchi. Stendiamo rotolando l’argilla fino a farla diventare un serpente molto lungo e regolare, poi lo applichiamo sopra al fondo del nostro vaso e con una pressione uniforme premiamo ogni centimetro in corrispondenza del perimetro del cerchio, continuando poi a sovrapporre ogni strato, portandolo fino all’altezza voluta.
A seconda di come effettuiamo la sovrapposizione dei vari strati del “serpente di argilla” sopra il fondo decideremo la forma del vaso. Per un vaso più panciuto ed ampio il rotolo di argilla va applicato più all’esterno in modo tale da allargare sempre di più il diametro; per un vaso più ristretto al contrario andrà applicato più all’interno. Con gli stecchini di legno si rifiniscono le pareti unendo tutti gli strati.

Consigli utili

Quando comprate l’argilla controllate che sia della giusta consistenza, la plastica che la avvolge deve essere ben chiusa .L’argilla ha un grande contenuto di acqua per questo é morbida e ci rende possibile modellarla. È importante mantenerla sempre con questa consistenza in modo tale da poter sempre utilizzarla. Se non finisci il pezzo, copri bene il lavoro con la plastica e il giorno dopo resterà morbido per continuare il lavoro, fate attenzione alle bolle d’aria, sono un grande nemico. .
Massaggiate bene le superfici, non usate troppa acqua altrimenti  rischiate che si ammorbidisca troppo collassando su se stessa.

Cenni storici

La fabbricazione della ceramica preistorica si svolgeva all’interno dei villaggi in ambito familiare. Era considerata un’attività tipicamente femminile, almeno nelle fasi iniziali. Si trovano oggetti fatti con la tecnica della modellazione a Colombino detta anche Cercine o ‘a lucignolo’ in particolari recipienti in terracotta. Sono prodotti tipici delle comunità sedentarie che a partire dal neolitico iniziano a vivere in villaggi stabili ed in cui la terracotta diviene un prodotto di fabbricazione domestico.

come creare un vaso in argilla
come creare un vaso in argilla
come creare un vaso in argilla

Artiziamoci

Come tirare fuori l’artista che é in noi

La creatività mi ha sempre aiutato a vedere le cose in modo differente. Vengo da una famiglia di artisti e per questo dedico la mia vita all’arte della ceramica, con alti e bassi sono rimasto sempre fedele ai miei ideali, rispettando quello che sono. Mi chiamo Giovanni Battista Rea e a 13 anni mi sono trasferito con l’aiuto della mia famiglia in Germania, dove ho appreso le antiche tecniche dell’arte della ceramica. Studiando nella fabbrica di ceramica ‘Der Schlondes’, mi sono scontrato con una materia che non conoscevo e anche grazie al mio maestro turco Hasan Kasap ho potuto conoscerla e padronarla. Tornando a Capena ho creato un laboratorio, dove lavoro da più di 15 anni, realizzando nel corso degli anni piccoli e grandi progetti. Grazie al laboratorio di ceramica situato in via Dante Alighieri 15, ho potuto incontrare tantissime persone e far toccare con mano ad ognuno di loro le proprie abilità. Iniziare ad aprire il laboratorio a tutti confrontandomi con ogni persona diversa mi ha entusiasmato talmente tanto che sono riuscito a coronare un altro il mio sogno: quello di insegnare ad altre persone il mio mestiere e di fargli vivere l’arte a 360°. Perché in fin dei conti, “il futuro appartiene a chi crede nella bellezza dei propri sogni. [cit. Eleanor Roosevelt]”.

Laboratorio aperto lunedì e giovedì dalle 15.30 alle 18.00. La prima prova è gratuita

Email: giovannibattista.rea@gmail.com

Battista Rea

Ceramista

Battista Rea

Battista Rea

Ceramista

Via Dante Alighieri 15 00060, Capena (RM)
+39.3476720653 (DE)
+39.3803073444 (IT)
info@battistarea.it

Giornata Internazionale della Danza 2019

Il 29 Aprile è la Giornata Internazionale della Danza 2019. Per la rubrica “Arte” pubblichiamo un interessante articolo sul tema, a cura di Alessandra Battaglia, danzatrice di Capena (RM).

Workshop con François Meyer

Sabato 4 Maggio 2019 una giornata da trascorrere insieme al fotografo che ha creato la collezione della mostra Art Faces. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Mostra di “FotoPoesia”: Liber’Azione

Cosa succede quando un fotografo e un poeta si incontrano? Succede che apre la seconda mostra di “FotoPoesia” a Capena: Liber’Azione dal 24 Aprile al 5 Maggio 2019.

Spettacolo “La mossa der giaguaro”

Nel contesto della 2a edizione de “Lo Sbaracco” di Capena (RM), David Mastinu presenta il suo spettacolo “La mossa der giaguaro”. Ingresso libero.

I° Festival dei Burattini

I° Festival dei Burattini il 2 e 3 Marzo 2019 a Capena, in Piazza del Popolo. Ingresso libero. Leggi il programma.

Art Faces, ritratti d’artista nella Collezione Würth

Art Faces, ritratti d’artista nella Collezione Würth. Dal 18 febbraio 2019 al 14 marzo 2020 presso Art Forum Würth Capena (RM). Ingresso libero.