Il territorio di Leprignano

Verso la fine del ‘700, il territorio di Leprignano era esteso 1.316 rubbia (1 rubbio=18.484 mq): in esso rientravano sia parti del territorio di castelli abbandonati tra ‘300 e ‘400 (Civitucola, Vaccareccia, Castiglione, Montefiore, Scorano), aggregata a Leprignano e composte del ‘700 di terreni quasi esclusivamente seminativi, e in parte macchiosi, sia il cosidetto ‘Dominio’, come era indicato il territorio originario del ‘Castrum Lepriniani’.
Di quest’ultimo facevano parte quattro tenute (Cese, Rosetoli, Monte Rose, Manciano), ove in massima parte si trovavano terreni seminativi, i cui coltivatori erano tenuti a corrispondere al Monastero di San Paolo un sesto del prodotto in natura; i terreni vignati erano concentrati nella parte ‘Dominio’ chiamata ‘Ristretti di Leprignano’, cioè nella parte del territorio più vicina al nucleo abitato, estesa 370 rubbia, in cui, per i terreni vignati, il Monastero esigeva una corrisposta in natura, in mosto, per la quale erano indicate, come unità di misura, ‘boccali’, ‘cupelloni’, ‘fogliette’ o (raramente) ‘barili’.

Le località delle vigne

Le località nelle quali allora (fine ‘700) si trovavano in particolare le vigne erano: Fontana Borragine, Santa Maria, Madonna degli Angeli, Provignano, Monte Cellarino, Lombo dell’asino; alcune anche in Manciano, Valle Merlina, la Conca. Le vigne meglio provviste comprendevano anche, per la necessità della coltivazione, un appezzamento di canneto. Una curiosa testimonianza sulla stagione della vendemmia a Leprignano ci viene data nel 1706 dal sacerdote locale Don Giovanni Domenico Cozzardi, il quale chiede di poter vendemmiare prima del 29 Settembre, festa di San Michele Arcangelo, in una sua ‘vignola’ in luogo detto ‘Festola’, perchè, trovandosi vicina al luogo in cui le donne vanno a lavare i panni, ‘se l’orante ha da aspettare il vendemiare, doppo la sudetta festa sparammia l’orante la spesa del vendemiare, poichè viene vendemiata dal Popolo del luogo.’

Una vigna alla conca

Un aneddoto storico: con atto rogato l’11 gennaio 1727 da un notaio morlupese, Paolo Antonio Laura, del fu Serafino, vende per sei scudi a Marco Barbetti metà di un quartuccio circa di vigna. Sita nel territorio di Leprignano, in vocabolo “La Conca”, confinante “superius” con i beni dell’acquirente, “ab uno latere” con i beni degli eredi del fu Luzio Silvi e “a pede” con i beni del venditore.

La Catacomba di Monte della Casetta

La Catacomba di Monte della Casetta: nel giugno 1978 la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra ha intrapreso lavori di restauro in una piccola catacomba situata ad una ventina di chilometri da Roma, nel territorio di Capena (RM).

Lucus Feroniae

Lucus Feroniae è un sito archeologico situato nel comune di Capena, sull'antica via Tiberina. È localizzato nei pressi del casello autostradale della A1 Roma-Milano. Era un luogo dove confluivano tre differenti gruppi etnici antichi: Latini, Sabini ed Etruschi....

Festa di Sant’ Antonio Abate

Sabato 20 e Domenica 21 Gennaio a Capena (RM) c’è la Festa di Sant’ Antonio Abate (17 Gennaio). Leggi il programma e le origini della festa.

Il Castellaccio

In questo articolo vi raccontiamo la storia del Castellaccio, dalle origini agli ultimi scavi. A cura del Gruppo Archeologico Romano sezione di Capena.

Corpus Domini 2018, infiorata a Capena

La confraternita del SS. Sacramento e San Luca di Capena (RM), vi invita a partecipare alla 15a edizione del Corpus Domini 2018 e alla relativa Infiorata. Domenica 3 Giugno, leggi il programma.

Capena piccolo tesoro sulle colline arricchito da vigneti e ulivi

Capena piccolo tesoro sulle colline, tra la via Flaminia e la via Tiberina è una delle tappe obbligate per scoprire il territorio della valle del Tevere.